400 COLPI

educare alla libertà nelle difficoltà della globalizzazionene INTERVISTE, RECENSIONI, FRAMMENTI, COMMENTI

Educare al genere senza stereotipi

E’ possibile oggi educare al genere senza ricadere in altri stereotipi o contro-stereotipi? Chi ha interesse a spaventare i genitori per il diffondersi di programmi che lavorano sulla differenza di genere nelle  scuole etichettandoli come “teoria del gender”? Quali sono gli stereotipi da decostruire oggie le sfide per costruire un mondo con meno discriminazioni?

Nell’intervista Giulia Selmi ci parla dei dell’importanza di partire dalla differenza originaria -indicata come quella di genere – per comprendere meglio il carattere sessuato dell’esperienza. Spiega come la “teoria del gender” sia una invenzione intellettualmente disonesta per discreditare un ambito di studi complesso e variegato al suo interno (i gender studies) che ha l’obiettivo trasformativo della società: queste diverse teorie infatti non accolgono l’idea che debbano persistere nella nostra società differenze di genere gerarchiche e nemmeno una superiorità dell’orientamento sessuale eterosessuale su quello omosessuale. Ci sono invece diverse teorie su come il genere si produca come costruzione sociale.


ASCOLTA L’INTERVISTA A GIULIA SELMI

PRIMA PARTE 440

SECONDA PARTE 441

Logo400Colpi-1


Selmi spiega anche quali sono i progetti della ampia rete che si è creata in Italia sull’educare al genere nei due meeting nazionali di Roma. Sottolinea come tra gli adolescenti di oggi sia forte e opprimente una cultura omofoba che discrimina l’omosessualità, portando a numerosi casi di bullismo e inducendo al suicidio.
Per Selmi è importante continuare e rinnovare il lavoro di educare dalla parte delle bambine con la consapevolezza che oggi si devono gettare delle basi affinchè anche i maschi facciano i lavori tradizionalmente femminili (e non solo viceversa) a partire dalla totale mancanza di maschi nei lavori di cura (in ospedali, nidi, scuole materne ed elementari, etc…).

Nel lavoro educativo sarebbe ideologia la pretesa di fare tabula rasa degli stereotipi, ma le le tecniche oggi usate partono da questa consapevolezza: anche se non è mai possibile liberarsi degli stereotipi, si può cercare insieme di criticarli, di interrogarli e di lasciare ale spalle i peggiori di essi.


Bibliografia – alcuni studi citati nell’intervista:

Elena Gianini Belotti, Dalla parte delle bambine, Milano: Feltrinelli, 1973
Gamberi, C., Maio, M.A., Selmi, G. (a cura di), Educare al genere. Riflessioni e Strumenti per articolare la complessità, Roma: Carocci, 2010.

Per approfondire:

Progetto Alice

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Informazione

Questa voce è stata pubblicata il 7 febbraio 2016 da in educare al genere con tag , , , .

Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi via e-mail.

Categorie

Follow 400 COLPI on WordPress.com

NEL MESE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: